Reclusione

Di mattino la casa è sempre fredda.

Doveva essere ancora presto, fuori ancora scuro, quando nel buio ho chiamato Gabriela, due volte. Nell’altra stanza l’ho sentita alzarsi, infilare le ciabatte e la vestaglia.

“Cosa c’è?” ha chiesto, quando è arrivata in camera col viso assonnato.

Ho pensato che era sempre bella anche con gli occhi semiaperti. Le ho fatto una carezza ma mi è parso che volesse ritrarsi, avrei voluto dirle qualcosa di tenero.

“Allora? Perché mi hai chiamato?”

Non ho risposto subito, mi pareva di aver bisogno di un caffè e in fondo mi rendevo conto che non era così importante parlare, volevo solo averla qui vicino a me.

“È freddo vero?” ho mormorato per dire qualcosa. Lei mi guardava.

Non ha risposto, non era una domanda. È andata alla finestra della camera e ha aperto gli scuroni.

Un colore bluastro di luce livida e nebbiosa è entrato nella stanza; prima che richiudesse i vetri ho sentito la punta acuminata del freddo tra le spalle.

Mentre andavamo in cucina ho detto solo “mi è parso di aver sentito una voce, quasi un lamento”.

Categoria:

Descrizione

Nella grande casa sulla collina le giornate scorrono nell’ansiosa attesa del giorno della procedura nei confronti di un misterioso ospite. Il protagonista che svolge il suo mestiere di insegnante alterna le ore della scuola che odia a quelle della casa. Tutto rischia di precipitare quando Jap, un amico coinvolto nel progetto, decide di sfilarsi e mandare tutto a monte. A quel punto l’eroe, trascinato dagli eventi, sarà condotto ad alzare il livello del conflitto tra sé e il mondo verso un compimento drammatico e imprevedibile.

ALESSANDRO CARTONI vive sulle colline al confine tra Marche e Umbria, insegna letteratura nella scuola superiore. Nel 2008 ha vinto il premio Inedito Torino per la sezione Racconti. È membro del laboratorio collettivo Carboneria Letteraria. Suoi racconti sono apparsi in antologie per Transeuropa, Lavoro Editoriale, Eclissi, Perrone, Pequod. Nel 2010 sempre per Perrone è uscita la trilogia “Io sono la nemesi”. Nel 2014 ha partecipato al volume “Canti d’abisso” a cura di Alessandro Morbidelli, Origami Edizioni. Nel 2017 ha pubblicato per 0111 Edizioni il volume di racconti “Dove ballano le ragazze”.