I tributi locali. Tassazione immobiliare

Categoria:

Descrizione

La modifica del titolo V della Costituzione con l’approvazione della legge costituzionale n. 3 del 2001 ha portato una rinnovata podestà tributaria delle Regioni e degli Enti Locali.
Tale autonomia nasce anche per rendere consapevole il cittadino di quali servizi, siano essi divisibili e non divisibili, sono finanziati con i tributi che egli paga, il che significa sensibilizzarlo circa la gestione e il rispetto della cosa pubblica. Il fine ultimo è comunque quello della riduzione degli sprechi, passando per una razionalizzazione della spesa in servizi: il che significa un effettivo risparmio economico per le famiglie, sotto forma di minori tributi da versare.
Un esempio è quello dello smaltimento dei rifiuti urbani: la responsabilità civica e il rispetto permettono un minor spreco di energie degli operatori che non dovendo più raccogliere sacchi e sacchetti lasciati in giro, ma possono dedicare il loro tempo a tenere in ordine e puliti gli spazi e i luoghi pubblici per un loro migliore utilizzo a vantaggio di tutti. A questo risultato si arriva se tutti i cittadini partecipano diligentemente alla differenziazione dei rifiuti domestici, permettendo un effettivo risparmio economico sia per la raccolta sia per lo smaltimento sia per la semplificazione del riciclo (ricchezza economica e ambientale).
In questo testo, mi sono soffermato sulle varie tipologie contrattuali degli immobili e sulla relativa tassazione, cercando di essere il più chiaro possibile, per fornire un aiuto a chi si trova a dover decidere il tipo di contratto di affitto e la relativa tassazione, con la consapevolezza che ogni calcolo locale, in un modo o nell’altro, è sempre riferito all’immobile e al suo utilizzo.

Vito Rosiello è docente presso l’Università Telematica Pegaso – facoltà di Giurisprudenza – Diritto Tributario.
Laurea in Giurisprudenza, in Scienze dell’Educazione e della Formazione, è esperto in Diritto condominiale e immobiliare nonché mediatore civile e formatore pratico.
Amministratore di società immobiliari e mediatore iscritto presso la Camera di Commercio di Varese. CTU e Perito iscritto negli elenchi del tribunale di Busto Arsizio. Socio fondatore di alcune società.