Dall’impuro al peccaminoso

Categoria:

Descrizione

La storia del pensiero occidentale, accanto a un evidente percorso evolutivo, presenta da sempre anche un inquietante lato oscuro e violento. Basti pensare ai tanti orrori di cui è stato protagonista, nel corso dei secoli, fino a quello più emblematico: la persecuzione e lo sterminio del popolo ebraico.
Proprio indagare in particolare sull’antisemitismo diventa necessario allorché si convenga che l’ebraismo ha costituito, per venti secoli, il diverso paradigmatico per un Occidente fondato sul lògos greco e sull’idea cristiana di una originale peccaminosità dell’uomo.
Cioè su un’antropologia sostanzialmente negativa, portatrice di un fondamentale razzismo.
È qui che, in particolare, va individuata la disumanizzazione del diverso da sé la cui matrice è – sono parole dello psichiatra Massimo Fagioli – «il diverso dalla veglia, coscienza, comportamento, razionalità».
Il lettore è quindi accompagnato – con l’imprescindibile strumento della teorizzazione fagioliana – ad affrontare l’origine dell’alienazione religiosa, quindi a leggere il testo biblico con occhi nuovi, grazie all’originale esegesi controcorrente del biblista Carlo Enzo, poi una indispensabile riflessione sul pensiero monoteistico, fino a individuare in successione gli elementi fondativi dell’antropologia negativa del pensiero greco-cristiano, derivati in parte anche da alcune tendenze dell’apocalittica giudaica: la colpevolizzazione aprioristica della natura umana, la storica demonizzazione della donna, la condanna dell’irrazionale e del mondo onirico. Veri e propri tratti psicopatologici della tradizione occidentale che la ragione illuministica non ha saputo affrontare se non superficialmente, essendo portatrice a sua volta, nella realtà più profonda, di un letale annullamento della realtà non cosciente.
Il titolo del libro Dall’impuro al peccaminoso indica il momento storico e l’ambito culturale, tutto interno al mondo giudaico precristiano, da cui tutto ciò – secondo l’ipotesi dell’autore – sembra aver avuto origine.
Un percorso affascinante di confronto fra antropologie diverse che contribuisce alla comprensione profonda di un problema assolutamente centrale in epoca di colossali migrazioni di esseri umani: lo scontro culturale che alimenta la crescente xenofobia e la chiusura verso ogni tipo di integrazione fra tradizioni diverse.