Posted on

Il futuro del lavoro spiegato da un direttore del personale alla figlia di 11 anni

Il primo libro del direttore delle risorse umane di Microsoft Pino Mercuri intervistato da Ilaria su quella che potrebbe essere la sua professione nel 2030 e su tutte le parole ‘difficili’ della tecnologia come chatbot o realtà virtuale

di Irene Consigliere

Corriere della Sera – 5 febbraio 2019

Il futuro del lavoro spiegato a mia figlia’ è il primo libro(Editore Licosia) di Pino Mercuri, direttore delle risorse umane di Microsoft Italia, e inaugura inoltre una collana di opere che hanno lo scopo di aiutare il lettore nella comprensione di uno dei cardini su cui poggia la nostra società, il lavoro che ci attende e tutti gli scenari futuri, le nuove tecnologie, le nuove mansioni, le prospettive incerte. Mercuri è soprattutto padre di tre figli, Gabriele, Ilaria e Michele, molto curiosi. Nel libro è la figlia Ilaria, oggi 11 anni, a ‘intervistarlo’ e lui cerca di semplificare concetti come quelli dello ’smart working’: perché oggi si può anche lavorare da casa, di spiegare a cosa servono e serviranno i robot e perché non dovrebbero sostituire definitivamente la presenza dell’uomo.

Che cosa sono le start up? E la Blockchain e anche i Chatbot sono altri dei quesiti che tormentano la giovane ‘professionista del futuro’ che non risparmia domande pure sulle app per i pagamenti e sulla realtà virtuale. Nel libro si ribadisce spesso il concetto che per qualunque tipo di professione oggi più che mai è importante continuare ad aggiornarsi perché alcuni lavori potrebbero cambiare radicalmente o non esserci neanche più. Presenti anche i contributi di altri 10 esperti di risorse umane, tra cui anche quello di Silvia Candiani, amministratore delegato Microsoft Italia, che ipotizzano lo scenario del mondo del lavoro nel 2030, quando Ilaria dovrebbe cominciare a fare le sue prime esperienze.