“Il futuro del lavoro spiegato a mia figlia” in Microsoft

“Il futuro del lavoro spiegato a mia figlia” in Microsoft

Si è svolta a Milano, presso la Microsoft House lo scorso 21 gennaio la presentazione del libro di Pino Mercuri, direttore delle Risorse Umane di Microsoft Italia, “Il futuro del lavoro spiegato a mia figlia”, edito da Licosia, con interventi di Silvia Candiani, amministratore delegato di Microsoft Italia; Francesco Rotondi, fondatore di Lab Law e direttore della collana di Licosia “Il lavoro è cambiato. Cambiamo le regole”; Isabella Covilli Faggioli, presidente AIDP; Roberto Proietto, direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale; Filippo Di Nardo, giornalista e saggista; Nunziante Mastrolia, editore della casa editrice Licosia.

Tra i vari spunti emersi, uno è quello che si è imposto con maggiore forza. Se è vero che c’è poco o nulla da temere dal progresso tecnologico e che, come nel passato, è possibile che i nuovi lavori che emergeranno saranno migliori, sotto molti punti di vista, rispetto al passato; nulla garantisce che le persone possano avere le competenze necessarie per svolgere quei lavori che il mercato e la produzione richiedono. E ciò accade anche perché la scuola continua ad essere impostata secondo una logica di tipo fordista che non forma e premia la creatività, che sarà il vero motore propulsore della crescita economica del futuro.

Di qui la necessità di avviare un dibattito nazionale per ripensare la scuola pubblica, le sue finalità, il modo stesso in cui essa si pone nei confronti dei giovani, se non si vuole perdere la competizione internazionale per accaparrarsi i posti di lavoro a maggiore contenuto di conoscenza e a maggiore valore aggiunto.