La storia narrata in questo romanzo riguarda tutti noi. Le vicende del protagonista, un semplice funzionario, si svolgono nello spazio tra la propria abitazione e l’ufficio nel quale lavora. Tutto sembra immutabile perché le stesse cose si ripetono da molti anni. L’incontro con una ragazza è l’elemento che destabilizza la normalità del protagonista così come le immagini e le notizie delle guerre e delle stragi. Il funzionario inizia, da quel momento, a rivisitare gli anni passati ed il suo presente. Scopre con terrore il suo fallimento accettando, come gesto finale, di pagarne il prezzo. In questo atto estremo, nel quale il tempo sembra invertire la propria direzione, il protagonista troverà la propria verità.

GIANNI PAONE vive in un piccolo paese (Vallefiorita) che si affaccia sull’antico golfo di Squillace. Qui pratica attività di ricerca alternando lo studio con il piacere della lettura e della scrittura. Svolge attività di volontariato sui temi della promozione sociale e culturale collaborando con associazioni italiane e internazionali e promuovendo la lettura nelle scuole di ogni ordine e grado. Gestisce la biblioteca comunale di Vallefiorita “Biblioteca Errante” organizzando nei Comuni del comprensorio e nelle scuole letture, incontri con autori, presentazioni di libri, eventi nell’ambito delle manifestazioni “Libriamoci” ed “Il Maggio dei libri”. Promuove iniziative e performance poetiche e letterarie contribuendo anche all’organizzazione di eventi culturali, il Festival “La Valle delle Storie” e la rassegna poetica “Versi d’Agosto”, che vedono la partecipazione di artisti, poeti e scrittori provenienti dalle varie regioni italiane e dall’estero.