Il vangelo socialista, scritto da Bettino Craxi e Luciano Pellicani, comparve per la prima volta su “L’Espresso” nell’agosto del 1978 e fece scandalo.
In poche pagine Craxi tagliava i ponti con i dogmi del
marxismo-leninismo e con la tradizione palingetico-rivoluzionaria e apriva una via per conciliare il socialismo con il mercato e la società liberale.
Con quel testo la svolta socialista, che da anni Craxi andava preparando, si annunciava al mondo e la lotta con il PCI entrava nella sua fase più intensa.

Acquista su IBS